90 anni di agricoltura
Eucalipto
Il cane Goku
Zio Amilcare
Il nonno
Il nonno
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
Azienda agricola
 

Da quando sono nato che vivo in questo settore, ossia dai primi anni ottanta, mi ricordo poco ma quelli erano "anni d'oro" per gli agricoltori che andavano nelle piazze, si facevano sentire e rispettare...Sono cresciuto con un'illusione, pensando che questo settore mi avrebbe consetito di costruirmi un solido futuro che avrei potuto continuare questa tradizione iniziata dal mio bisnonno Giuseppe Mazzoni che con tante fatiche e peripezie riuscì ad acquistare questa azienda nei primi del novecento. In quegli anni l'agricoltura salvò il paese dalla fame, il lavoro e le idee ti tanti uomini testardi e tenaci consentirono all'Italia di risollevarsi dagli eventi nefasti della guerra.Dagli anni ottanta in poi tutto pian piano è andato sfumamdo, la globalizzazione che molti ritenevano una panacea dell'agricoltura ha pian piano spostato i cardini del settore trasferendo il potere di decidere dai campi agli uffici di pochi speculatori che a mio avviso hanno assassinato l'attivita primaria del paese ...ma questa è politica quindi sorvoliamo...La testardagine che caratterizza chi vive in questo settore ci ha portato a puntare su un agricoltura diretta al consumatore, la domanda è stata: perchè massificare tutte quelle particolarità del nostro territorio che in molti ci invidiano rischiando così di farle scomparire? Abbiamo così cercato di conciliare l'agricoltura dei nostri giorni con la tradizione, nel rispetto dell' ambiente e del territorio...
Carlo